terapie antistress

Terapie antistress

Le terapie proposte per una gestione adeguata dello stress sono di vario tipo.

  • Alcune si occupano del controllo degli stressors, cercando di intervenire direttamente sugli stimoli stressanti (affettivi, lavorativi, ecc.), ma questa strada non è sempre praticabile.
  • Altre si occupano soprattutto della modificazione delle strategie di pensiero alla base della sofferenza psicologica (psicoterapia cognitivo-comportamentale).
  • Ulteriori interventi consistono nell’apprendimento di tecniche di rilassamento psicofisico, ad es. il training autogeno e il biofeedback.
Ovviamente, ogni trattamento anti-stress presenta vantaggi (molti) e svantaggi (alcuni).

  • Il ricorso ad una psicoterapia breve (cognitivo-comportamentale) può rappresentare una soluzione ben accettabile dalla persona, definitiva, dai costi contenuti e priva di effetti collaterali. Richiede un coinvolgimento attivo del paziente, quindi una buona motivazione nel risolvere le situazioni problematiche.
  • I training di rilassamento rappresentano tecniche efficaci per la gestione degli effetti dello stress. Non comportano rischi, ma richiedono un certo periodo di tempo per l’apprendimento e l’applicazione pratica.
Alcune tecniche sono quindi più adatte per trattare crisi acute e a breve termine, mentre altre sono più utili per il trattamento di reazioni di stress destinate a perdurare nel tempo. Nella terapia dello stress, sono di primaria importanza le preferenze personali: uno strumento terapeutico ottimale per un paziente può non essere accettato da un altro, quindi ogni scelta terapeutica va concordata con la persona.